Archivi tag: lezioni

Tutti i venerdì Pratica di tango in Milonghetta a San Siro

Alla milonghetta di San Siro gli esperti incontrano i principianti e il tango diventa davvero sociale.

La Milonghetta di San Siro è il posto giusto non solo per ripassare e gustarsi i passi studiati a lezione ma per uno scambio d’abbraccio tra chi inizia e i più bravi, in uno scambio che è l’essenza stessa del tango rioplatense.

Dai ballerini più navigati a chi sta iniziando, la PRATICA DI TANGO della Milonghetta in Cascina a San Siro in un’ambiente accogliente e informale.

La milonghetta a San Siro

 

E dalle 21 alle 22 il corso per principianti.

Riservata ai tesserati Acsi/Faitango.

La nuova proposta di tango a Milano è in Cascina Torrette di Trenno, presso il Mare culturale urbano. Uno formula ideale –  quella della pratica – per chi vuole trascorrere una serata di tango che coglie l’aspetto popolare e sociale del ballo: quello in cui i principianti vengono accolti dai più esperti in un abbraccio che è l’essenza del tango stesso: un ballo sociale e intergenerazionale.

Non sembra neanche di essere a Milano, qui in Cascina. E ha una sapore di vacanza questa milonghetta  che ospita un’informale Pratica di tango dove ripercorrere, con l’aiuto dello staff di istruttori di Milano tango, i passi studiati. E dove, soprattutto, si socializza in uno spazio, la Cascina Torrette di Trenno, sede di straordinarie iniziative culturali.

L’appuntamento del venerdì  è a San Siro, nella cascina del Seicento appena restaurata, in via Gabetti 15. Uno spazio pieno di iniziative. Musica, teatro, cinema all’aperto, osteria popolare, birreria artigianale. E Tango. Dalle 22 all’1.30.

Video Player

L’ingresso è riservato ai soci Acsi- FaiTango, numero chiuso, ingresso 7 euro.

Per iscrizioni all’associazione, almeno 24 ore prima, scrivere a info@milanotango.com

NO PRENOTAZIONI, NO TAVOLI, INGRESSI CONSENTITI DIETRO PRESENTAZIONE TESSERA Acsi/Faitango.

E’ una milonghetta informale, intima e gustosa. Ospitata dal Mare culturale urbano.

Tango a San Siro
Foto di Luca Chiaudano

In 1.700 metri quadri, un’area coworking, una casa dell’acqua, spazi dedicati alla formazione, alle residenze artistiche, ai progetti con il territorio, due sale prove musicali, una cucina con birreria artigianale e un cortile comune con un forno per la cottura del pane e una casa dell’acqua. Fuori, nel cortile dell’housing sociale Cenni di Cambiamento, il cinema all’aperto.

Fatti portare dritto dritto alla nostra Milonga!

Scarica Tangotoday App gratis e schiaccia il tasto ‘ GO’

per i-phone:
https://itunes.apple.com/it/app/id1046378040
per android:
https://play.google.com/store/apps/details?id=today.tangotoday.tangotoday

La milonghetta in Cascina
Cascina Torrette di Trenno – Pratica di tango tutti i venerdì.

Maestri sì. Guru no, grazie. (Spunti di vista sul tango…)

Con questo articolo, Cristina Manfredi, giornalista e tanguera, inaugura la serie “Spunti di vista” sul mondo del tango argentino. Idee, commenti, riflessioni sulla vita nelle milonghe (e nelle scuole di tango).

Il maestro e il Dalai Lama

Spunti di tango...
Cristina Manfredi, giornalista e tanguera, scrive per Milano Tango.

Del tango una cosa mi commuove: la fedeltà al maestro. Più forte dell’emozione di perdermi nella musica mentre cerco di dare un senso ai movimenti del mio corpo. Più viscerale della Tempesta e Assalto che ogni notte si scatena nelle milonghe.

I miei maestri mi portano nel tango. Senza quell’attenzione ai miei passi incerti, senza l’incoraggiamento, l’entusiamo, la disciplina, il fuoco che hanno addosso, oggi non sarei in pista.

Durante un seminario, mi sono trovata a cercare con lo sguardo uno di loro due. Partecipavo a una serie di lezioni organizzate proprio dalla mia scuola con una ballerina di fama mondiale. Il modo in cui spiegava un movimento mi spiazzava e così, prima di decidermi a provarlo, ho voluto rassicurarmi che, sì, era diverso da come l’ho imparato io, ma che era un punto di vista comunque funzionale.

Bella cosa avere qualcuno su cui contare, una roccia a cui aggrapparsi caso mai sul nostro ballo si abbattesse qualche sciagura di stile. Poi mi è venuto in mente il Dalai Lama.

Per lavoro ho incontrato Sua Santità nel giugno scorso. Parlava a Livorno di etica secolare, di tolleranza, di compassione intesa come attenzione all’altro, idee che, a pensarci bene, funzionano alla grande anche per lo spazio di una tanda. A un certo punto ha invitato il pubblico a metterlo in difficoltà, a fargli domande, in caso anche a contestare le sue risposte, se ritenute incongruenti. Non ricordo le parole precise ma il senso mi è rimasto chiaro in testa: il rapporto con il maestro non può essere un mero atto di fede, prima di sceglierlo va messo alla prova. E una volta iniziati gli insegnamenti, non ci si può fermare alla passiva ricezione di codici tecnici ed estetici. Issare sul piedistallo chi ci insegna è pericoloso per il tango.

In milonga vedo fazioni sotterranee, steccati mentali che creano un “Noi” e un “Loro”, dove il “Loro” è una antitesi da confutare. E la fedeltà al maestro diventa una trappola. Il mio maestro è migliore del tuo, il mio maestro è l’unico che sa ballare, il solo depositario del Tango con la T maiuscola. Se studio con Tizio anziché con Caio è evidente che mi piace il suo modo di ballare, però non voglio trasformarmi in un Robespierre della sacada. In verità, l’ho fatto, credo di avere anche litigato con uno pseudo fidanzato tipo bambini dell’asilo: “Meglio i miei”, “No, i miei”, “E io dico di no”, “Guai a te se parli male di loro”. Una sera l’ho mollato quattro a zero alle Colonne di San Lorenzo, tornando a casa a piedi imbufalita.

Provo affetto, gratitudine, stima e rispetto per gli insegnanti che seguo ormai da tempo, sentimenti e sensazioni che dimostro trattandoli come persone, non semi-dei. Mi fido, ma non mi affido. E diffido di chiunque cerchi di convincermi a fare il contrario.