L'abbraccio tra le generazioni di grandi tangueros

Vi racconto il tango di Raul Bravo, il maestro dei maestri. Intervista con Sabrina Tonelli

 

Intervista con la ballerina argentina Sabrina Tonelli.

di Alice Gaini e Andrea Bassi.

Sabrina Tonelli
Sabrina Tonelli, maestra di tango

 

 

L’abbiamo conosciuta un giorno in milonga. Si è avvicinata disinvolta e ha iniziato a parlarci veloce in spagnolo. Poi ha preso Andrea per un braccio e gli ha detto: “Voglio ballare, fammi ballare, sacame sacame ganchos todo”. Un approccio un po’ sopra le righe e forse anche fuori luogo, nel contesto delle milonghe milanesi. Ma Sabrina Tonelli (a Milano per una serie di stage di tango e di make up per donne e uomini di tango) è così: un vulcano di genuinità ed entusiasmo che spazza via l’etichetta. E’ nato lì, con quell’approccio e trasparenza, un lungo percorso di tango e amicizia.

Appassionata della vita e del ballo, Sabrina è tanto imprevedibile quanto rispettosa della tradizione e del messaggio tanghero originario: quello che si tramanda di consiglio in consiglio, come si faceva anni un paio di generazioni fa: “Nena, sierra las rodillas cuando haces boleos”  (Ragazza, chiudi le ginocchia quando fai un voleo). Così ti ammonivano i viejos per insegnarti, e così di parola in parola si formavano i grandi ballerini di ieri e di oggi.

Ed è proprio così che fa ancora lui, Raul Bravo considerato da molti il Maestro dei Maestri, uno dei pochi ancora in vita. Sabrina Tonelli le è stata affianco in questi anni prima come allieva e poi come assistente e da lui ha introiettato il profondo significato del tango negli anni in cui tutto è nato.

Raul Bravo e Sabrina Tonelli
Il maestro e la farfalla

 

Primo ballerino e coreografo del l’orchestra di Mariano Mores, in tournée con Juan D’Arienzo, il maestro Raul Bravo ha ballato con Carlos di Sarli e con Jose Colangelo, fondatore assieme ad Antonio Todario de l’accademia con metodo di studio Todaro-Bravo.

Racconta Sabrina: “Allora era diverso. Chi insegnava lo faceva per passione e per dedizione: non esistevano le scuole di ballo. Quella di Todaro e di Raul fu una delle prime. Non si viveva di tango, Raul a 20 anni era un boxer professionale, gareggiava per classificarsi alle Olimpiadi poi perdette la finale e lasciò la boxe per sempre. Fu così che iniziò a lavorare in  banca. E, soprattutto, a ballare tango.
All’inizio, per andare in tournée con quelli che sarebbero divenuti i più grandi direttori di orchestra, doveva chiedere dei permessi. Solo dopo si dedicò totalmente al ballo”.

Come hai iniziato a ballare?
Avevo 9 anni e in casa mia il tango si ascoltava sempre. Pochi iniziavano a ballare a quell’età,  ma io ero molto motivata.
Ho studiato nella mitica milonga Sin Rumbo con il milonguero José Vásquez “Lampazo”. Poi  sono entrata nel gruppo coreografico per ragazzi di Zarate, dove si sono formati moltissimi talentuosi artisti contemporanei: da Vanessa Villalba (Forever Tango) a Nicolás German cornejo e Angeles trabichet, Natalia Tonelli ( campioni del Mundial de tango).  Il mio percorso di tango è proseguito con Raul Bravo, e con diversi pilastri della cultura tanguera contemporanea, come Guillerima Quiroga e Natalia Hills. Raul, ti insegna tutto, è un pozzo infinito di informazioni”.

“Ed è stato così anche per noi”.

Maestri di Tango
Andrea Bassi e Alice Gaini

Quando siamo andati alle sue lezioni a Buenos Aires a El Tacuari, ha iniziato con un passaggio con incredibile destrezza  (a quasi 85 anni) e con  noi sbigottiti da  tanta naturalezza , lui sta già provando una corridita con uscita con calcetto sul piede della dama. Raul si eccita come un bambino se vede che lo segui nel percorso e non si stanca mai di insegnare, correggere, rielaborare. Alle sue lezioni sono passati quasi tutti gli artisti considerati il gotha del tango internazionale – Guillermina Quiroga, Natalia Games e Gabriel Angio, Roberto Reis, Pancho Martinez Pey, Natalia Hills, Los Hermanos Macana – ed ancora oggi li incontri a provare e rielaborare come in un vero laboratorio creativo, come si faceva negli anni Settanta.

Ma perché un ballerino professionista continua a studiare, ad andare dal Maestro, anche se è ultraottantenne?

“Perché – continua Sabrina – noi a Buenos Aires sappiamo che per mantenere il proprio livello di tango non si deve smettere mai di studiare. E’ un percorso di approfondimento costante e continuo che ti porta a vivere lo studio come parte integrante della passione tanghera. È anche una questione di rispetto  per chi frequenta le milonghe: non solo perché siamo professionisti, ma perché in primis siamo milongueri che semplicemente amano ballare con persone piacevoli e frequentare milonghe ordinate dove ci si possa muovere in pista.

Sabrina Tonelli
Sabrina Tonelli, simplemente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tanti, e non solo argentini, lo hanno capito e lo stanno capendo. I russi ad esempio sfruttano qualsiasi occasione di approfondimento e studio e si vede! Io ho vissuto a lungo in Russia ballando con Vladimir e il livello di ballo è altissimo! Tango come metafora di vita. Non si finisce mai, davvero, di imparare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.